Contatti


Seguici su Facebook!
MindJam su Facebook

Siti amici

MARCOR ONLINE
Consigli & assistenza per pc

MarcorOnline.tk


CORRIDOIO
Porte d'interferenza


APPUNTI UNICT
Appunti per Ing. Informatica


ELEFANTINO ITALIANO
Campo C6 - S. A. li Battiati

ElefantinoItaliano.info


ADIF
La bottega dell'arte


U.S. AQUILA VOLLEY
Dal '73 la pallavolo a Bronte


Quella sentenza della Corte dell’Aja passata (quasi) sotto silenzio
Emanuele Rizzo, Mercoledì 28 Marzo 2012 13:34   

Il 3 febbraio la Corte Internazionale di Giustizia (CIG) dell’Aja ha emesso una sentenza che ha una rilevanza notevole per il Diritto Internazionale e che, invece, non ha avuto molto spazio nei quotidiani nazionali. E’ interessante approfondire l’argomento, ma prima è opportuno fare qualche passo indietro…

C’è da premettere che il Diritto Internazionale ammette l’immunità statale per attività compiute iure imperii (cioè per attività legate all’esercizio di funzioni sovrane da parte dello Stato)  e nel caso in oggetto la CIG ha dovuto valutare i limiti eventualmente incontrati dall’immunità assoluta qualora ci si trovi di fronte a violazioni di norme consuetudinarie e persino di diritto cogente, cioè delle norme primarie del diritto internazionale.

Tecnologia: come rimuovere il virus "System Check", il finto strumento di analisi di Windows
Marco Rinaldi, Sabato 18 Febbraio 2012 13:16   

System Check è un virus molto particolare, infatti si tratta di un “fakeware” che finge di essere uno strumento capace di trovare problemi del computer (ram, hard disk, registro) e correggerli automaticamente. Ovviamente per risolvere questi fantomatici problemi bisogna acquistare la licenza…

Se ancora non fosse chiaro lo scrivo esplicitamente: nessuno dei problemi riscontrati da System Check è reale, pertanto si tratta solo di una truffa per ottenere denaro da voi, insieme ai dati della vostra carta di credito.

Forconi: chi e come
Giuliano Busà, Martedì 17 Gennaio 2012 22:32   

La Sicilia ribolle. L’Italia guarda ma non parla. Il silenzio degli organi di informazione nazionali sembra dare ragione ad uno dei leitmotiv della protesta: la Sicilia alla stregua di una periferia dello Stivale. Che il tema venga ignorato è oggettivamente scandaloso e va contro ogni deontologia professionale. Indipendentemente dalla copertura giornalistica, ben gestita da testate isolane e online, è lo sfondo delle proteste a destare tuttavia interesse ed interrogativi. Le rivendicazioni sono quanto mai condivisibili, come dimostra il grande afflusso di siciliani giunti ai presidi lungo tutta la regione e il successo sui social network: le accise sui carburanti troppo alte, le malefatte dei politici dell’Ars (attuali e precedenti), le gravissime mancanze del governo nazionale (attuale e precedenti). Tutta la rabbia di un popolo che la storia recente sembra aver abbandonato a se stesso.

Due passi alla Villa Bellini
Emanuele Rizzo, Venerdì 30 Dicembre 2011 22:55   

La Villa Bellini di Catania, da quando oltre un anno fa è stata riconsegnata al pubblico, è davvero uno spettacolo. Al di là dei commenti e delle critiche più o meno autorevoli e competenti su come siano stati condotti i lavori e su alcune decisioni prese dai progettisti, passeggiare (o andare a correre, come hanno ripreso a fare in tanti) per il giardino storico catanese è davvero un piacere.

Facendo due passi in questi giorni di festa, tuttavia, emergono alcune lacune che sminuiscono il fascino senza tempo di questo luogo. Qualche pianta poco curata, qualche fontana non funzionante, qualche tubo dell’irrigazione troppo a vista e soprattutto tanti lampioncini rotti e tante scritte su muri e statue.

Catania, studenti di tutto il mondo in network
Giovanni Saitta, Lunedì 12 Dicembre 2011 23:04   

Quella che si è tenuta a Catania mercoledì 7 dicembre presso la Sala Museion della Residenza universitaria di via Verona è stata molto più di una semplice conferenza di presentazione.

Con questo evento infatti ha avuto luogo la prima edizione dell’European School Enterpreneurship (ESE) il cui progetto formativo vede il coinvolgimento di oltre venti studenti universitari provenienti da tutta Europa, i quali, insieme ai loro colleghi catanesi, lavoreranno fino al 12 dicembre alla stesura di un Business Plan.

Durante questa settimana verranno analizzati numerosi temi di rilievo riguardanti soprattutto la disoccupazione giovanile; il progetto infatti è nato dalla fruttuosa collaborazione tra lo Youth Unemployment Team di AEGEE-Europe e le due associazioni catanesi YoutHub Catania Student Incubator e AEGEE-Catania.

Scienze Politiche: problemi nel polo di Via Gravina, evacuato per una esplosione
Emanuele Rizzo, Martedì 06 Dicembre 2011 22:58   

Inaugurato nell’ottobre 2009, il polo didattico di Scienze Politiche sito in via Gravina doveva essere un fiore all’occhiello dell’Università di Catania: sala conferenze da 250 posti, 4 aule dotate di proiettori e touch-screen, cortiletto interno ed uffici al piano superiore.

Dopo poco più di due anni d’attività, tuttavia, questo luogo versa in condizioni incredibili: posti a sedere insufficienti, infiltrazioni d’acqua, bagni eternamente fuori servizio, furti di materiale didattico, computer e proiettori e, ieri, guasto all’impianto elettrico.

Università: quando i “palazzi del sapere” non diffondono alcun sapere
Emanuele Rizzo, Mercoledì 30 Novembre 2011 09:09   

L’istruzione pubblica italiana sta raggiungendo vertiginosamente i livelli più bassi dall’unità d’Italia. Tagli sempre più netti e variegati, quasi che il ministero della Pubblica Istruzione abbia aderito alle allettanti offerte della “MiracleBlade” e voglia provarne ogni capacità.

Nonostante tutto, le scuole inferiori rimangono ai livelli d’eccellenza del panorama mondiale (molto spesso per l’immane sforzo dei docenti pur di sopperire alle ristrettezze di denaro e di personale). L’università, invece, sembra puntare decisamente verso l’obsolescenza, verso un sapere selettivo, verso delle conoscenze create e diffuse da una cerchia di docenti con il solo obiettivo di vendere libri.

Curiosità: come recuperare un account Facebook rubato o violato
Marco Rinaldi, Martedì 29 Novembre 2011 09:18   

hack-facebook-account-onlineLa nostra vita si sposta sempre più online e i nostri profili raccolgono una quantità enorme di nostri dati (foto, video, pensieri, ecc…) e interazioni sociali. La sicurezza diventa un punto cruciale, quindi tutti i siti importanti predispongono opportuni strumenti per recuperare gli account violati a cui non riusciamo più ad accedere, anche Facebook.

Un po’ di tempo fa vi avevo parlato di come recuperare la password di Hotmail, oltre che dell’interessante meccanismo dei Trusted PC (sempre per Hotmail), mentre oggi parliamo di Facebook.

"La gara sul divano" 2011: Gp Brasile
Giuseppe Valerio, Lunedì 28 Novembre 2011 21:56   

DATA: 27 novembre, ore 17,00 italiane
CIRCUITO: 
Interlagos (4,309 Km)
GIRI: 72 (310,248 Km)
VINCITORE: M. Webber - Red Bull

Finalmente è finita. Davvero non ne potevo più. L’ennesima gara noiosa, con le Red Bull che hanno dominato dal primo all’ultimo giro e, se posso dire una cosa, non credo affatto che Vettel avesse problemi al cambio. Il motivo per cui abbiano deciso di lasciare vincere Webber mi sfugge ma forse è giusto così.

Il Mondiale è finito e l’ultimo giorno di scuola a Interlagos non ha fatto altro che confermare tutto quello visto in questa stagione. Vettel fa e disfa a suo piacere, Webber ha perso l’anno scorso l’ultimo treno per diventare il Mansell degli anni ’10, Button ci ha messo due anni a meritarsi il titolo del 2009, Alonso è un grande e non merita una Ferrari così, Massa ha smesso di fare il pilota a Interlagos ma nel 2008, quando perse il mondiale all’ultima curva dell’ultima gara, Hamilton forse è un fenomeno ma forse si è stufato della McLaren e comunque Button lo ha preso a sberle per tutta la stagione. Gli altri, compresi Schumacher, Rosberg e le loro Mercedes, sono solo dei comprimari in una Formula Noia che non si vedeva da molti anni.

Presentazione del libro “L’Italia dell’ignoranza. Crisi della scuola e declino del paese“
Redazione, Venerdì 18 Novembre 2011 09:27   

Giorno 19 novembre alle ore 18:00 alla Pinacoteca di Catania (ex chiesa S. Michele Minore, piazza Manganelli), Graziella Priulla (docente di Sociologia dei processi culturali presso la Facoltà di Scienze Politiche di Catania) presenta il suo nuovo libro: “L’Italia dell’ignoranza. Crisi della scuola e declino del paese“.

La scuola pubblica è una diga: contro le disuguaglianze e contro il sonno della ragione. E’ un luogo che si ostina a non produrre consenso. L’ultimo dove i ragazzi non sono divisi per potere d’acquisto. L’unico laboratorio di integrazione delle diversità. La sola istituzione che toglie ai vecchi per dare ai giovani.

Che succede se si aprono crepe in una diga? E se ad aprirle è proprio l’addetto ai controlli? E se nessuno mostra di accorgersene?

Corso di Primo Soccorso ed Antinfortunistica organizzato dalla Misericordia di Gravina di Catania
Emanuele Rizzo, Martedì 15 Novembre 2011 10:14   

La Fraternita della Misericordia di Gravina di Catania, con il patrocinio del comune pedemontano, organizza il XXX Corso di Primo Soccorso e Antinfortunistica. Le lezioni, che come ogni anno saranno tenute da medici esperti e soccorritori qualificati dell’associazione Misericordia, avranno come obiettivo quello di formare nuove figure per il pronto intervento, ma saranno comunque utili a chiunque voglia conoscere le tecniche e le pratiche più utili per il primo intervento ed avvicinarsi al mondo del volontariato.

«Il corso – ci dice Ester Messina, segretario generale dell’associazione gravinese – verterà su argomenti basilari quali la chiamata d’emergenza, la disostruzione delle vie aeree, l’estricazione da auto, il BLS (Basic Life Support), il PTC (Prehospital Trauma Care). Saranno presenti medici, psichiatri, psicologi, operatori del 118 ed altre figure del mondo sanitario e paramedico, che guideranno gli allievi fino a febbraio in lezioni teoriche e pratiche sulle attività più importanti, dalla ricezione e gestione dell’emergenza all’assistenza medica di primo soccorso».

"La gara sul divano" 2011: GP Abu Dhabi
Giuseppe Valerio, Lunedì 14 Novembre 2011 10:02   

DATA: 13 novembre, ore 14,00 italiane
CIRCUITO:
Yas Marina (5,554 Km)
GIRI: 55 (305,470 Km)
VINCITORE: L. Hamilton - McLaren

 

Il clima è quello da ultimo giorno di scuola, solo che di ultimi giorni di scuola questa stagione di F1 ne avrà ancora uno, quello vero, tra 15 giorni in Brasile. Abu Dhabi è stata ancora una volta una corsa noiosetta, riservata solo agli irriducibili appassionati.

Ci hanno dato una spettacolare serie di spiegazioni "quasi scientifiche" su quanto accaduto a Vettel alla seconda curva del GP di Abu Dhabi, spiegandoci che la gomma posteriore destra di Vettel si è "detallonata" (uscita dalla sede cerchio, sgonfiandosi repentinamente) per essere stata posta dal tedeschino sul cordolo undici centimetri oltre il consentito. Sarà pure vero, ma dal mio comodissimo divano mi è sembrata soltanto una sfortuna cosmica e che comunque fa il paio con quanto accaduto a Massa in India (due sospensioni divelte tra prove e gara). Tutti i piloti sono allegramente transitati sui cordoli senza conseguenze ma solo Vettel è finito fuori: probabilmente aveva la pressione degli pneumatici sbagliata e questo avrebbe comunque inficiato la sua prestazione.

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 17
La gara sul divano

Cronaca, commenti ed approfondimenti dei Gp di Formula 1. A cura di G. Valerio



GP BRASILE
27 novembre 2011

>Archivio 2011     Archivio 2010<


Archivio Attualità
Emergenza Somalia, siamo disinformati ma non possiamo restare indifferenti

Quello che stiamo scoprendo in questi giorni sull’emergenza umanitaria in Africa non può lasciarci indifferenti. Migliaia e migliaia di somali stanno intraprendendo il viaggio della disperazione per sfuggire alla morte, alla fame impietosa e alla violenza disumana. Il luogo culmine è Dadaab, ormai il campo profughi più grande al mondo, dove centinaia di famiglie cercano rifugio per i propri bambini, che troppo spesso però non arrivano a poter essere salvati.

Si calcola che nell’ultimo mese dal campo siano passate più di ventimila persone, dopo aver viaggiato su camion improponibili per chiunque, spesso anche causa di malattie letali, come la dissenteria, o di disidratazione.

Il numero di persone che oggi i tre campi profughi di Dadaab ospitano si aggira intorno alle 380 mila unità. La maggior parte di questi individui arrivano in stato di choc, molti moribondi, incapaci di reggere viaggi tanto lunghi (alcuni dei quali raggiungono le 23 ore) senza mangiare né bere.


Archivio Cinema&Spett.
Dialetto e ologrammi: Fiorello al Cibali

Erano quasi 15mila gli spettatori che mercoledì 30 giugno hanno riempito lo stadio Massimino di Catania in occasione della prima tappa siciliana del Fiorello Show. Un evento senza precedenti secondo le parole dello stesso Fiorello, che si è esibito nella città natale ritrovando tra le prime file numerosi parenti e amici, come mai prima d’ora. Inutile dire che lo show man - anche se su di lui l’appellativo appare riduttivo - non delude mai. Lo spettacolo è stato, lungo tutta la sua durata, un continuo susseguirsi di risate, fra imitazioni, discorsi sull’attualità e frecciatine politiche, musica e tecnologia, il tutto insaporito dal dialetto siciliano attraverso cui Fiorello ama interagire con il suo pubblico.


Archivio Mondo Università
Medicina: venerdì il benvenuto alle matricole

Venerdì 7 ottobre alle 9, nell'aula magna della facoltà di medicina e Chirurgia (Policlinico Universitario, via Santa Sofia 86, Catania), si svolge la cerimonia di accoglienza dei nuovi iscritti per l'a.a. 2011/2012 ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi dentaria.

Alla cerimonia interverranno il rettore dell’Università di Catania Antonino Recca, il preside della facoltà di Medicina e Chirurgia Francesco Basile, il prefetto di Catania Francesca Cannizzo, il sindaco Raffaele Stancanelli, il presidente dell’Ordine dei Medici chirurghi e odontoiatri di Catania Salvatore Sciacchitano, il presidente del corso di laurea in Medicina e Chirurgia Gaetano Catania e il presidente del corso di laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria Mario Alberghina.


Archivio Cultura
Salvatore Giuliano: tra storia e leggenda

La storia di Salvatore Giuliano è stata sempre un racconto che ha appassionato intere generazioni. Il re di Montelepre, come lo chiama Angelo Vecchio in un interessante volume a lui dedicato, è stato al centro di una narrativa popolare che ha spesso varcato le soglie del mito e della leggenda.

Fuggito a causa dell’omicidio di un carabiniere che lo aveva fermato per un controllo e che poi lo aveva colpito alle spalle, generando la reazione spietata del giovane Salvatore, si rifugiò sui monti tra Montelepre, suo paese natio, e Partinico. Divenuto bandito per necessità e per convenienza, si è lentamente accerchiato di stretti collaboratori adescati tra i giovani delle zone limitrofe.


Archivio Scienza&Tecnol.
Smartphone e privacy non combaciano (quasi) mai

“Con gli smartphone ognuno di noi è quasi sempre inconsapevolmente un Pollicino che ha in tasca il suo sacchetto di sassolini che escono uno ad uno per segnarne gli spostamenti”. “I nostri telefonini sono costantemente localizzati”.

Queste non sono le parole dell’uomo della strada, magari eccessivamente preoccupato e con l’ossessione di essere costantemente controllato, queste sono le dichiarazioni di Francesco Pizzetti, Presidente del Garante della protezione di dati personali, che, durante la relazione annuale ha spiegato quali sono i rischi che l’utilizzo dei sempre più “indispensabili” smartphone comporta.


Archivio Sport
I 15 titoli persi dalla Ferrari in F1

La Ferrari ha appena perso un titolo mondiale che chiedeva solo di essere conquistato e quindi essere esibito con orgoglio come “mission impossible, possible”.

Invece è andata com'è andata, col muretto rosso in tilt ad Abu Dhabi e Baby Face Vettel che, ancora incredulo, può raccontare ai compagnetti di scuola di essere il più giovane Campione del Mondo della storia della F.1.
Piuttosto che analizzare ancora i perché e i per come dell’ingenuità di Yas Marina e l’evidente incapacità del muretto a gestione Domenicali di fare fronte in tempi ragionevoli al mutare delle situazioni di gara, forse è più crudele in questa sede infierire con una spietata analisi storica degli “orrori” commessi dalla squadra di Maranello nella sua lunga storia.